Chiama per richiere un appuntamento: Tel. 340 0966057 - Seguici su facebook

Diario

Qualche dritta in fatto di alimentazione

Ben ritrovati!
Oggi mi va di annoiarvi….anzi spero proprio di no….ma anzi di interessarvi con qualche curiosità in fatto di alimentazione, tanto per fare un pò di chiarezza.
Dice una bellissima rivista che ogni tanto mi diverto a sfogliare “Abbiamo eliminato le uova dalle nostre diete….”cit.:”L’altra medicina”mese di novembre 2019
E’ vero! Spesso queste povere uova sono demonizzate perché pare diano un sacco di problemi….ecco…non è proprio così vero!
Gli studi degli ultimi anni affermando che sono proprio le uova a regolare e tenere a bada i livelli di colesterolo circolante. Sono invece gli zuccheri i primi induttori della produzione di grasso epatico. (cit: L’altra medicina).
Non è solo una teoria, ma una verità. La nostra alimentazione quotidiana è molto ricca di zuccheri molto raffinati anche nascosti. Attenzione alle etichette anche di surgelati e cibi apparentemente salati.
Non dimentichiamoci anche dell’alimentazione dei nostri figli, sopratutto di quelli piccoli che devono ancora abituarsi al sapore dei cibi, fatto da non sottovalutare per le loro preferenze da adulti e, quindi, per la loro salute.
Cita la suddetta rivista:”La legislazione sui cibi per l’infanzia è molto rigida. Bassi livelli di contaminanti, no OGM, ma si a palate di zucchero….se il bambino non gradisce la frutta, la mamma può serenamente dargli delle comode caramelle che hanno come primo ingrediente lo zucchero, come secondo lo sciroppo di glucosio, addensanti, vitamine a go go (chissà se poi così salutari) e succo di frutta concentrato (ossia zucchero). Spesso sono anche consigliate dai pediatri e si trovano in farmacia….l’integrazione è una cosa seria, mettere in corpo molecole di sintesi (chiamate fruttine) no e va fatta se e quando serve”.
Altro prodotto preso in esame dalla rivista sono i “cereali per la colazione” che riportano spesso immagini accattivanti per i bambini, per non parlare dei loro sapori ancora più coinvolgenti. Peccato che anche questi ultimi siano spessi delle vere e proprie porcherie non solo per l’elevata presenza di zuccheri e grassi di dubbia origine, ma dobbiamo renderci conto che segnano l’inizio non solo di loro pasti quotidiani, ma dei loro gusti e stimoli di richiamo per l’intera giornata. Ovvio anche che dopo una bomba zuccherina di questo tipo, senza valore nutrizionale, la fame ritorna nel giro di poche ore. Non lamentiamoci poi se spesso i nostri figli non vogliono più mangiare cibi sani con sapori veri, non alterati.